Che tu sia un Multipotenziale o che non lo sia, ti sarai accorto anche tu di quanto la società in cui viviamo guardi ancora alla specializzazione come all’unica vera strada per il successo professionale.

Ma è davvero così? E se sì, da dove ha origine questa convinzione?

Devi sapere che la convinzione moderna della specializzazione affonda le sue radici nella rivoluzione industriale, infatti, da quel momento in poi il modello più efficiente per ogni persona è stato quello di occuparsi in maniera esclusiva di un singolo compito, ricoprendo un ruolo immutabile, per poter essere un ingranaggio del sistema.

E in questo modo la nostra industria ha prosperato.

Oggi non viviamo più nell’era industriale, eppure un percorso professionale lineare e ben definito è diventato ormai una norma sociale, qualcosa che non mettiamo più neanche in discussione.

E pensiamo questo anche se i tempi, ormai cambiati, ci suggeriscono che un percorso di carriera lineare, unico e stabile, sia ormai sorpassato e che l’idea di un solo ruolo professionale per il quale si dovrebbe avere una sorta di “vocazione” esclusiva, sia ormai sbiadita.

E se per un Multipotenziale l’idea di svolgere un unico lavoro per tutta la vita è semplicemente un incubo, anche per tanti altri giovani questa idea non è più così allettante..

I Vantaggi della Contaminazione

Oggi, sviluppare un forte “quoziente di contaminazione” offre una marcia in più per sfruttare opportunità lavorative, per essere sempre un passo davanti all’intelligenza artificiale, e per generare un valore aggiunto consistente qualunque sia il contesto lavorativo.

Moltissimi ruoli specializzati saranno presto sostituiti dai robot, che per loro natura sono iper-specializzati, e in questo senso una formazione su carriere multiple è un modo per tutelarsi e avere redditi diversificati, ed è anche un’opportunità per esercitare il pensiero creativo e la sintesi delle idee, per affinare le proprie capacità di ragionamento interdisciplinare, e per sviluppare l’abilità di attingere ad esperienze e soluzioni diverse che provengono da settori lontani tra loro.

Queste sono tutte cose che una macchina non sarà mai in grado di fare meglio di un essere umano!

Considerando la natura imprevedibile dell’economia e della tecnologia di oggi, è molto difficile capire dove si stia andando o prevedere in quale direzione ci si stia muovendo. E in questo clima di incertezza, sviluppare un ventaglio di competenze diverse rappresenta una grandissima risorsa.

Come ritengono molti esperti ed economisti, le carriere multiple, i business ibridi e le professioni multisfaccettate saranno sempre più presenti e sempre più richieste nei prossimi anni.

I Limiti di una Iper-Specializzazione

Di fatto, una iper-specializzazione impedisce di vedere “il globale” e di avere una visione d’insieme, rendendo le persone incapaci di percepire i legami e le connessioni, e anche la multidimensionalità dei fenomeni. La specializzazione, infatti, disgiunge e compartimenta i saperi, rendendo sempre più difficile la loro contestualizzazione.

Si dice che le persone iper-specializzate abbiano i paraocchi, forse lo avrai sentito anche tu.

A parte gli scherzi, a volte è pro proprio così per la loro intrinseca difficoltà a guardare oltre alla loro materia di specializzazione e ad assumere una visione più ampia, a causa di una formazione molto specializzata, ma, appunto, poco ampia.

Al contrario, gli studi interdisciplinari sono fondamentali per preparare le giovani generazioni ad affrontare un mondo sempre più complesso, a vedere i problemi da più punti di vista e a inventare nuovi modi di pensare che attraversano le varie discipline.

Esistono infatti studi, citati praticamente ovunque, che mostrano come le competenze più richieste nell’attuale mondo del lavoro siano la capacità di affrontare problemi complessi, la capacità di ragionare sapendo interpretare le informazioni e unire i puntini sparsi tra le pieghe di una situazione, e l’attitudine nel trovare collegamenti inaspettati tra ambiti diversi, ovvero la cara e vecchia creatività.

Possibili Ostacoli alla Contaminazione

Il più grande ostacolo che un Multipotenziale si trova a fronteggiare è la mancanza di risorse per la carriera e di modelli di riferimento. La società attuale non comprende le esigenze dei Multipotenziali e il modello di carriera tradizionale di solito non considera prioritari aspetti come la varietà e l’esplorazione di nuovi settori e attività.

Inoltre, in Italia, la strada verso la contaminazione e l’interdisciplinarietà è resa difficile dalla legislazione universitaria, che tramite Classi di Laurea e Settori Scientifici Disciplinari crea in genere una formazione universitaria settoriale e specialistica.

Anche tu sei un multipotenziale e desideri progettare una o più carriere multisfaccetate?

Grazie al mio percorso di Coaching e Mentoring DESIGN YOUR CAREER potrai finalmente realizzare la carriera dei tuoi sogni, in linea con le tue ambizioni e con la tua natura multipotenziale! Esplora il percorso qui!